I mostri oggi

Trama

Film del 2009, seguito de I Mostri del 1963 e de I nuovi mostri del 1977.

In sedici episodi sono descritti i vizi, i difetti, le paure e le debolezze più tipici del popolo italiano.

Si va dall’uomo che finge di essere innamorato di una ragazza paraplegica per rubarle la carrozzella con cui entrare allo stadio, alla psicoterapeuta che, in combutta con la moglie di un suo paziente, lo convince a suicidarsi, alla donna che approfitta della scomparsa della figlioletta per apparire in un programma tv, dimenticandosi completamente della sua creatura.

Uno spaccato agrodolce della società italiana, che in certi momenti fa ridere, ma è anche una denuncia non priva di profondità

Protagonisti

Diego Abatantuono

wix:image://v1/3fa1ef_5c99a35f04094e4d9a30dd2744e3bf09~mv2.jpg/ferilli.jpg#originWidth=548&originHeight=640

Nato a Milano nel 1955, Diego Abatantuono è un famoso attore, sceneggiatore, comico italiano che a volte ricopre anche il ruolo di presentatore televisivo.

Ha vinto tre premi Nastro d’argento per ruoli sia da protagonista che da non protagonista.

Cresciuto a contatto dell’ambiente dello spettacolo grazie all’assidua frequentazione del locale Derby Club, di proprietà di una coppia di suoi zii, presto Diego comincia a lavorare prima con il gruppo I Gatti di Vicolo Miracoli e poi nel Gruppo Repellente con altri artisti diventati famosi, quali Enzo Jannacci e Giorgio Faletti.

La carriera cinematografica comincia con una parte nel film Liberi armati pericolosi, del 1976, e prosegue con parti secondarie fino al 1981, quando Monica Vitti insiste per averlo al suo fianco ne Il tango della gelosia, con cui viene decretato il successo del personaggio del “terrunciello”, ossia l’immigrato meridionale al nord. Seguono vari contratti su questo filone, fino a quando decide di abbandonare tale personaggio.

Si dedica poi al teatro e in seguito, pur senza mai abbandonare i film comici, lavora in ruoli drammatici con i registi Pupi Avati , Luigi Comencini e Gabriele Salvatores, per cui recita in Mediterraneo, che vince il premio Oscar per il miglior film straniero nel 1992.

<p class="font_8" style="text-align: justify">Attrice romana classe 1964, molto conosciuta in Italia anche come presentatrice televisiva e sempre molto attiva su vari fronti dello spettacolo.</p>
<p class="font_8" style="text-align: justify">Ha collaborato con i maggiori registi italiani e ricevuto vari premi e nomination. Nel 2013 ha recitato anche nel film <em>La grande bellezza</em> di Paolo Sorrentino, che ha vinto l’Oscar come miglior film in lingua straniera.</p>
<p class="font_8" style="text-align: justify">Dopo aver recitato in diversi ruoli secondari, nel 1994 diventa nota al grande pubblico grazie al film di Paolo Virzì <em>La bella vita</em>, per cui vince il primo dei suoi cinque premi Nastro d’argento come migliore attrice protagonista.</p>
<p class="font_8" style="text-align: justify">Dopo aver condotto il <em>Festival di Sanremo</em> nel 1996, comincia a lavorare sempre più spesso in tv, recitando in numerose fiction e miniserie, e contemporaneamente anche a teatro.</p>
<p class="font_8" style="text-align: justify">Nel 2008, sempre diretta da Virzì, ottiene il secondo Nastro d’argento per il ruolo interpretato in <em>Tutta la vita davanti</em></p>
<p class="font_8" style="text-align: justify">Negli anni seguenti partecipa a numerosi programmi televisivi, soprattutto come giudice in diverse edizioni di <em>Amici</em>, e anche come conduttrice di <em>Contratto</em> su Agon Channel.</p>
<p class="font_8" style="text-align: justify">La sua corriera continua a dividersi tra cinema e programmi televisivi, ma si incentra principalmente nella recitazione in serie e miniserie televisive.</p>

whatsapp_PNG23.png